Menu

Quanto dovrebbe bere il mio bambino?

Scopri quanto dovrebbe bere un bambino e qual è il modo migliore per dargli sia acqua che latte con la pratica guida online di Tommee Tippee.

SI FA UN GRAN PARLARE DELLA TRANSIZIONE DA LATTE A CIBI SOLIDI PER I BAMBINI, MA NOI DI TOMMEE TIPPEE ABBIAMO L’IMPRESSIONE CHE NON SI PARLI ABBASTANZA DI QUANTO DOVREBBE BERE IL TUO BAMBINO MAN MANO CHE CRESCE. COME PER TANTE COSE, IN PARTE CI SI BASA SULL’ETÀ DEL BAMBINO.

Fino ad oggi probabilmente ti sei consumata pensando se il tuo piccolo stesse ricevendo latte a sufficienza. Se ti rivedi in questo, allora mucchi di pannolini bagnati costituiscono la prova migliore.

Quando devo iniziare a dare acqua e altre bevande al mio bambino

Quando devo iniziare a dare acqua e altre bevande al mio bambino?

Appena nati, i bambini hanno tutto il fluido che gli serve, grazie al latte materno o artificiale, ma via via che introdurrai cibi solidi, il loro appetito per il latte inizierà a ridursi. È a questo punto che potresti prendere in considerazione forme di idratazione supplementari, soprattutto perché i loro livelli di attività iniziano a intensificarsi.

Fino ai sei mesi, però, il tuo bambino non avrà bisogno di nient’altro che del latte materno o del latte artificiale.

Una volta che ha compiuto sei mesi e che hai iniziato a introdurre tuo figlio ai cibi solidi, potresti offrirgli una piccola quantità di acqua al momento dei pasti (l’acqua del rubinetto o filtrata andrà benissimo). Qualche sorso sarà più che sufficiente per abituarlo al sapore e anche per aiutarlo a imparare a bere da una tazza. Puoi scegliere di offrirgli succhi di frutta diluiti (una parte di succo in dieci parti di acqua), ma evita altre bevande zuccherate e gasate.

Una volta compiuti i 12 mesi, anche se stai ancora allattando, puoi introdurre latte vaccino intero, o anche latte di capra e pecora pastorizzato, se te la senti! Offri acqua o succo diluito in una tazza al momento dei pasti e nel corso della giornata, ma evita bibite gassate o bevande calde e zuccherate artificialmente.

Qual è il biberon o la tazza migliore

Qual è il biberon o la tazza migliore?

Ogni bambino è diverso dall’altro e scoprirai presto cosa piace o meno, al tuo. Ad ogni modo, ci sono delle regole generali che possono aiutarti nella scelta del biberon e delle tazze, durante la crescita.

La scelta migliore per il latte è un biberon con la tettarella, che aiuta il bambino a succhiare in modo naturale e facilita la transizione dal seno al biberon, se lo stai allattando.

Quando arriva il momento di dar loro acqua e altri liquidi, normalmente verso i sei mesi, potresti utilizzare una tazza con impugnature (di solito removibili) e munita di beccuccio o cannuccia. Forse ti sarà utile una valvola salva goccia, poiché imparare a bere può essere abbastanza difficile. Usando una tazza con valvolina removibile, il bambino potrà provare a bere direttamente, senza succhiare. Per bere si utilizzano muscoli differenti, il che è ottimo per il suo sviluppo orale.

Verso i 12 mesi, poi, è il momento di eliminare il biberon e passare solo alla tazza. Probabilmente il tuo bambino avrà già deciso se preferisce le tazze col beccuccio o la cannuccia, o puoi provare una tazza con chiusura di tipo sportivo, che lo fa sentire un po’ più grande! In poco tempo berrà tranquillamente da una tazza normale: il segreto è trovare un modo di bere che vada bene per lui e per te.

Una valvola antigoccia rimane un aiuto pratico ed è il caso di iniziare a usare tazze lavabili in lavastoviglie, visto che il piccolo a questa età si muove molto di più.

Consigli e suggerimenti per l’allattamento con il biberon

Creazione del legame speciale padre-figlio

Stava andando tutto bene fino a quando l’ostetrica ha notato alcuni segni che la turbavano e tutto è cambiato in un attimo.
Leggi la storia di Ben

Ci risulta che ti trovi in un Paese diverso Cambia sito?

Ignora